CARDIOPATIE DA STRESS E APNEE NOTTURNE SONO TRA LE MALATTIE DEL FUTURO

Cardiopatie congenite, apnee notturne e cardiomiopatie da stress. Queste le malattie emergenti nella società del prossimo futuro, secondo gli esperti riuniti al congresso "Conoscere e curare il cuore" a Firenze. «I pazienti con cardiopatia congenita - afferma Giancarlo Piovaccari, cardiologo dell'ospedale Infermi di Rimini - hanno bisogno di terapie assolutamente dedicate e mirate, che permettano loro di affrontare le diverse fasi della vita». «Il tasso di mortalità di questi pazienti di età compresa tra i 20 e i 70 anni - aggiunge - può essere da 2 a 7 volte superiore rispetto alla popolazione di pari età». «Si può stimare - conclude Piovaccari - che fra il 2005 e il 2031 la popolazione di cardiopatici adulti residenti in Italia incrementerà di 93.977 soggetti, supponendo pertanto che nell'arco dei prossimi 15 anni la prevalenza risulterà raddoppiata».

I disturbi del respiro durante il sonno rappresentano invece un sintomo frequente tra i pazienti con scompenso cardiaco, e sono in progressivo aumento anche in relazione alla diffusione dell'obesità. La miocardiopatia da stress è una condizione osservata soprattutto nel genere femminile. Secondo quanto spiegato dagli esperti, lo scompenso cardiaco si sviluppa acutamente nella prima fase della malattia e può causare pericolose complicanze, anche fatali.