MIUR E ASSIREM UNITI PER MIGLIORARE IL SONNO E RIPOSO DEGLI STUDENTI

Dormono poco e male, perennemente immersi nei social attraverso tablet, computer e smartphone. Sono gli studenti che rubano tempo al riposo notturno per non perdere nemmeno un istante di vita moderna. Rubano però tempo prezioso al sonno e la mancanza di riposo si riflette su risultati scolastici meno buoni, disturbi dell'umore e della vista.

Miur (Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca) e Assirem (Associazione scientifica italiana per la ricerca e l'educazione nella medicina del sonno), hanno sottoscritto un protocollo di intesa che permetterà una serie di attività che vedranno le parti in stretta collaborazione. In particolare verrà stimolata quanto più possibile la ricerca scientifica sugli stili di vita degli studenti ma anche proposti corretti stili di vita per la prevenzione delle patologie legate ai disturbi del sonno. Il protocollo di intesa è stato sottoscritto da Giovanna Boda, direttore generale del settore che si occupa dello studente, l'integrazione e la partecipazione, e Pierluigi Innocenti, neurologo e presidente di Assirem.