ZIKA, STUDIO NEGLI USA: UN TEST DELLA SALIVA DA 2 DOLLARI RILEVA VIRUS

Test genetico dal costo di 2 dollari per scovare il virus Zika, messo a punto da ingegneri e microbiologi degli Usa. Accordo tra Sanofi ed esercito Usa sul vaccino. Due casi di Zika in Emilia Romagna.

Un test genetico rapido e davvero low cost per rilevare l'infezione da virus Zika. A metterlo a punto sono stati gli ingegneri dell'University of Pennsylvania, in collaborazione con i microbiologi dell'ateneo Usa. Gli studiosi assicurano che - per soli 2 dollari - il device, grande come una lattina, potrà essere usato per capire se si è infetti. Senza bisogno di elettricità o di conoscenze tecniche per l'utilizzo. Il paziente dovrà semplicemente fornire un campione di saliva, spiegano gli studiosi, che hanno pubblicato la ricerca su 'Analiytical Chemistry'. Se lo strumento rileverà la presenza del virus, si tingerà di blu. Il team ha identificato una breve sequenza genetica che caratterizza il virus Zika. Una volta che la saliva del paziente viene introdotta nel dispositivo, il test impiega circa 40 minuti per il responso. Il componenti del team hanno dimostrato l'efficacia dello strumento usando la propria saliva infettata con campioni di virus generati in laboratorio. Così hanno mostrato che il test è sensibile e preciso come le analisi attualmente disponibili, che però impiegano molto più tempo e sono più costose. Ulteriori lavori indagheranno sulla sensibilità del dispositivo e cercheranno di quantificare anche la carica virale.

ALLEANZA SANOFI-ESERCITO USA PER CANDIDATO VACCINO
Sanofi ha costituito una partnership con l'esercito degli Stati Uniti per ampliare i programmi di ricerca e sviluppo di un vaccino sperimentale contro il virus Zika, che ha mostrato risultati promettenti in studi di laboratorio iniziali. Il prodotto candidato è uno dei pochi a essere testato sugli esseri umani nei prossimi mesi, ricorda il Wall Street Journal online. In base all'accordo, l'esercito trasferirà il prodotto a Sanofi Pasteur, che assumerà la responsabilità dello sviluppo clinico avanzato, dell'approvazione e della produzione del vaccino.

Almeno 15 società ed enti, tra cui la francese Sanofi, si stanno impegnando a sviluppare vaccini contro Zika, che ha dato vita a un'epidemia in America latina che l'Organizzazione mondiale della sanità ha definito emergenza di sanità pubblica, poiché il virus è legato a gravi difetti alla nascita. Il vaccino sperimentale sviluppato dagli scienziati del Walter Reed Army Institute of Research di Silver Spring, che ora Sanofi ha rilevato per portare avanti gli studi, è uno dei più avanzati.

AMBASCIATORE BRASILE, RISCHIO ZIKA MOLTO BASSO
«L'argomento della salute è di priorità nazionale per il Governo brasiliano, che sta lottando con impegno contro la proliferazione delle zanzare. Possiamo garantire che nel periodo dei Giochi di Rio 2016 il rischio di contrarre il virus Zika è estremamente basso». È quanto assicura l'ambasciatore del Brasile a Roma, Ricardo Neiva Tavares,

MODENA E REGGIO, 2 CASI DOPO VIAGGI ALL'ESTERO
Due casi di Zika in Emilia Romagna. Le direzioni delle Aziende Usl di Reggio Emilia e Modena informano della conferma della diagnosi di malattia da Zika virus in due viaggiatori residenti rispettivamente nei comuni di Modena e di Correggio (Re). Le condizioni delle due persone che hanno contratto il virus non destano preoccupazione. Dalle verifiche effettuate da personale dei dipartimenti di Sanità Pubblica delle Aziende sanitarie è emerso che l'infezione è stata contratta nel corso di un viaggio all'estero in area già nota per presenza di virus Zika e si è manifestata al rientro in Italia.