TEST SUL TAPIS ROULANT PER SCOPRIRE QUANDO SI MORIRÀ

Calcolatrice alla mano e sapremo come stiamo in salute e quando moriremo. Una corsetta sul tapis roiulant ci svelerà la probabilità di vivere, o morire, nei prossimi dieci anni.

È quanto promette un test (Fit Treadmil Score), grazie ad un algoritmo che unisce le capacità motorie di chi sale sulla macchina e corre con alcuni dati anagrafici e clinici. La formula, sviluppata dai ricercatori del Johns Hopkins Medicine (Baltimora) e pubblicata su Mayo Clinic Proceedings, è in grado di valutare il rischio di mortalità a lungo termine grazie agli indici Met, o equivalenti metabolici, che misurano la quantità di energia che il corpo spende durante l'esercizio fisico.

LA FORMULA

Più vigorosa è l'attività, maggiore sarà la quantità di Met necessaria, ad esempio se si cammina sul tapis roulant questo esercizio equivale a 2 Met, mentre se si corre è di 8. La formula prevede di moltiplicare per 12 il valore del Met, aggiungendo la percentuale del rischio cardiaco calcolata sottraendo a 220 l'età del paziente. A questo dato si deve sottrarre poi il risultato della moltiplicazione per 4 dell'età del soggetto. Infine al numero che si ottiene si aggiunge 43 se il paziente è donna. Il punteggio elaborato dalla formula varia da -200 a +200, chi è sopra lo zero ha un basso rischio di mortalità rispetto a chi è sotto questa soglia. Inoltre alcuni punteggi indicano un aumento del pericolo di morire nel decennio successivo.

LO STUDIO A DETROIT

I ricercatori hanno analizzato 58 mila persone con un'età compresa tra i 18 e i 96 anni, tutte di Detroit (Usa), che tra il 1991 e il 2009 avevano avuto valutazioni cliniche per dolore al torace, mancanza del respiro, svenimenti o vertigini. Gli scienziati hanno in seguito rintracciato i partecipanti che erano morti nel decennio successivo e hanno scoperto che, tra le persone con la stessa età e sesso, il livello di forma fisica misurato attraverso i Met, insieme al picco di frequenza cardiaca raggiunto durante l'esercizio, erano i più importanti indicatori del rischio di morte.